Chi sono

Giornalista, storica dell’arte, scrittrice

Da piccola sono caduta mille volte nel fiume che scorreva dietro la mia casa a Lugano. Oggi come ieri la mia vita è fatta di molti attraversamenti, cadute e risalite continue. Le difficoltà, le tante che hanno accompagnato  la mia vita,  sono state sempre occasione di rilancio, sfida e occasione per non arrendersi.

Ho coltivato diversi interessi, ed è difficile condensare  in poche righe  le mie esperienze. Mi occupo di comunicazione da almeno trent’anni e ho avuto  l’opportunità di sperimentarmi su differenti mezzi di comunicazione: dalla radio alla carta stampata, dal web alla tv. Oggi  trovo che realizzare documentari sia la perfetta sintesi di tutto ciò che mi piacerebbe comunicare.

Poche cose mi gonfiano il cuore: la maestosità del mare, l’armonia e la fragilità dei fiori, l’intensità delle piccole storie. Storie di  chi non ha voce e che nessun regista, nessun narratore racconterà mai, perché vissute dalla parte sbagliata o  perché considerate giornalisticamente irrilevanti.

Mi piace svelare cosa c’è dietro il sussulto di un’opera d’arte, la bellezza dei giorni che furono, il dolore  di chi  è muto,   le vite strappate, il travaglio e la speranza di chi non si arrende. Continuo a provarci, perché ci  sono ancora  persone, luoghi e storie che meritano di essere ricordati.

Per questo,  mi ritrovo  spesso con taccuino in mano, telecamera e zaino in spalla,   per  raccontare le suggestioni di altri viaggi, altri sentieri, altri mari da solcare.

eventi
Menu